logo
logo

Le Corbuisier • Cattedrale di Ronchamp

altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier
altrospazio fotografia, la Cattedrale di Ronchamp di Le Corbuisier

Le Corbuisier • Cattedrale di Ronchamp

Notre-Dame du Haut è una cappella situata a Ronchamp - presso Belfort, al confine tra Francia e Germania - realizzata dall'architetto Le Corbusier nel 1955. Le sue forme allo stesso tempo primordiali e futuribili, rese anche possibili dalla sapienza di maestranze degne della più nobil carpenteria navale, ne fa uno degli episodi più salienti e germinali dell’intera vicenda architettonica novecentesca. Questo piccolo sketchbook risale al 1998. Ci piace l’idea di condividerlo in questo archivio per lasciare in qualche modo traccia degli anni di formazione dell’approccio culturale e visivo che sta alla base della nascita e dell’evoluzione di Altrospazio e del suo progetto.   Lo sketchbook, come da tradizione, è un insieme di appunti liberi e liberati, riflessioni, forme. Spesso frutto di sopralluoghi più o meno finalizzati, più o meno senza impegno, spesso senza richieste e senza scadenze, sono pura palestra, affinamento della nostra ipersensibilità allo spazio. Collezioni e collazioni di spazio e di tempo, costantemente in progress, a metà strada tra ricerca e professione, sono la materia viva in formazione dei nostri progetti di visione, del nostro sguardo sulle città, sull’architettura e sui territori.

Vedi anche: Europa est • sketchbook